Lista movimenti postepay

PostePay è, senza alcun dubbio, uno dei prodotti targati BancoPosta più diffusi.

In buona sostanza, si tratta di una carta ricaricabile prepagata che può essere utilizzata sia online che in ogni genere di negozio fisico e presso gli sportelli abilitati.

Il circuito di riferimento è il Visa e per l’attivazione è necessario pagare 5 euro. Una cosa è certa: PostePay è la soluzione perfetta per tutti coloro che hanno necessità di effettuare acquisti online ma non solo: con una carta ricaricabile si ha la possibilità di disporre sempre di denaro in totale sicurezza e senza doversi portare dietro i contati.

Tra l’altro, si ha anche la possibilità di tenere sempre sotto controllo tutte le spese consultando la lista dei movimenti. Ma vediamo di scendere più nel dettaglio e di scoprire sia come ottenere la lista movimenti della PostePay di cui si è titolari che come effettuare tutti gli altri movimenti.

Lista movimenti PostePay: ecco come fare

postepay lista moviemtu

Prima di scendere più nel dettaglio, in merito alle funzionalità della PostePay, è bene precisare che si tratta di un prodotto a dir poco perfetto per i più giovani. Addirittura, Poste Italiane ha pensato ad una misura creata proprio per andare incontro alle esigenze dei più giovani.

PostePay Junior: è questo il nome di tale prodotto ideale per i giovanissimi con un’età compresa tra i 10 e i 18 anni. Per richiedere questa carta basta che un genitore inoltri la domanda. Ma torniamo alla prepagata classica e vediamo di scoprire come richiedere la lista dei movimenti della PostePay e come visualizzare il saldo.

I titolari che hanno intenzione di vedere gli ultimi movimenti effettuati hanno varie alternative a disposizione. La prima e, senza dubbio, la più pratica è rappresentata dall’applicazione. Non appena installata l’applicazione in questione sarà sufficiente entrare nella sezione interamente dedicata ai conti e alle PostePay e selezionare l’apposita voce.

Chi oltre alla PostePay possiede anche una Sim PosteMobile ha la possibilità anche di visualizzare i propri movimenti senza dover necessariamente avere a disposizione una connessione dati. In questo caso, bisognerà entrare nel menu, selezionare Controllo denaro e, in seguito, Lista movimenti.

A questo punto non resterà altro da fare che selezionare la PostePay di cui si vogliono conoscere gli ultimi movimenti. Ovviamente, per conoscere la lista dei movimenti della PostePay di cui si è titolari, si può anche visitare il sito internet ufficiale di Poste Italiane o recarsi presso lo sportello muniti di documento di identità.

In merito alla richiesta del saldo o della lista dei movimenti della PostePay attraverso una Sim PosteMobile, è opportuno tenere conto del fatto che il servizio ha un costo di 0,25 euro. Tale importo verrà direttamente accreditato sul credito residuo del telefono.

Richiedere la lista dei movimenti attraverso l’applicazione, invece, è del tutto gratuito come lo è l’applicazione che può essere scaricata su qualunque dispositivo mobile sia con sistema operativo Android che Apple.

Come ricaricare la PostePay

ricarica-postepay

Una cosa è certa: il modo più semplice per effettuare una ricarica è quello di recarsi presso il più vicino ufficio postale. Non appena raggiunto il più vicino ufficio postale non si dovrà fare altro che prendere il ticket per prenotare l’operazione in questione.

La ricarica può essere effettuata sia con i contanti che utilizzando un’altra PostePay o, in alternativa, una carta BancoPosta. Volendo, la ricarica potrà essere effettuata anche spostando il denaro dal conto corrente postale di cui si è titolari. Per portare a compimento l’operazione è necessario presentare la propria carta di identità ed il codice fiscale.

Nel caso in cui si avesse necessità di far ricaricare la PostePay da un parente è sufficiente che quest’ultimo si rechi presso l’uffizio postale con entrambi i codici fiscali, il proprio documento di identità e il numero della carta da ricaricare. Alternativa molto comoda è rappresentata dagli sportelli ATM Postamat.

Le ricariche, infatti, possono essere effettuate anche attraverso i bancomat delle Poste. In questo modo si ha la possibilità di ricaricare sia quando gli sportelli sono chiusi che quando la fila è davvero eccessiva. Anche in questo caso, si tratta di un’operazione decisamente molto semplice.

Per prima cosa, bisognerà inserire la carta dove indicato, subito dopo si dovrà digitare il pin e selezionare la voce relativa alla ricarica. A questo punto, verrà chiesto di confermare il numero della carta e di inserire l’importo della ricarica. Tutto, quindi, è molto semplice e rapido.

In pochi sanno che la PostePay può essere ricaricata anche comodamente a domicilio attraverso il portalettere. In alcuni casi, i postini sono dotati di Pos portatile e, dunque, si ha la possibilità di effettuare alcune operazioni bancarie semplici come, appunto, la ricarica della PostePay.

L’unica cosa da fare è chiedere al proprio postino se ha la possibilità di effettuare la ricarica o meno. In alternativa, si ha anche l’opportunità di prenotare il servizio contattando l’803 160. Come per la lista dei movimenti della PostePay, anche la ricarica può essere effettuata visitando il sito ufficiale delle Poste.

Per fare ciò, basterà accedere all’area personale, effettuare il login e selezionare la voce relativa alla ricarica. Il modo più rapido per ricaricare è, di sicuro, attraverso l’applicazione. In questo caso, infatti, è sufficiente schiacciare un pulsante e procedere con il trasferimento della somma.

Le ricariche possono essere effettuate anche presso le ricevitorie Sisal. Per scoprire la ricevitoria più vicina basta effettuare una ricerca su internet ed inserire i parametri richiesti. In linea generale, la ricarica può essere effettuata da 1 euro fino a 997,99 euro. L’unica cosa da sapere per ricaricare, in questo caso, è il numero della carta e il codice fiscale dell’intestatario.

Per ricaricare la carta di una terza persona, invece, bisognerà avere con sé anche il proprio codice fiscale. E per quanto riguarda le ricariche nelle tabaccherie convenzionate? Per sapere quali sono le tabaccherie in cui si ha la possibilità di ricaricare la propria PostePay bisogna accertarsi che all’ingresso sua presente il relativo logo. Come è facile intuire, ricaricare la PostePay è semplicissimo e rapido.

I vantaggi di PostePay

postepay

Come è facile intuire, PostePay ha moltissimi vantaggi come, ad esempio, la possibilità di ricaricare in moltissimi modi diversi e l’opportunità di avere sempre sotto controllo la lista dei movimenti. Come detto in precedenza, infatti, per avere la lista dei movimenti della PostePay di cui si è titolari basterà utilizzare uno dei vari strumenti sopra indicati come, del resto, per le ricariche.

Con PostePay, dunque, tutto è particolarmente immediato e si ha la possibilità di effettuare operazioni utili come, ad esempio, l’acquisto su internet o nei negozi fisici. Nel caso in cui, invece, si volesse di più, dalla propria carta prepagata, non si dovrebbe fare altro che procedere con l’attivazione di una PostePay Evolution.

In questo caso abbiamo a che fare con una carta prepagata dotata di IBAN che, di conseguenza, ha molte più funzionalità rispetto alla precedente. In buona sostanza, la PostePay Evolution è un conto corrente a tutti gli effetti che, però, ha i vantaggi di una classica carta di credito come, ad esempio, il fatto di non poter andare in rosso.

Prima di decidere se attivare una PostePay tradizionale o una PostePay Evolution è bene consultare un consulente di PosteItaliane che provvederà ad effettuare un quadro delle specifiche esigenze in modo tale da ottenere tutti gli strumenti per poter suggerire l’alternativa migliore.

Per quanto riguarda la lista dei movimenti della PostePay Evolution la procedura è pressoché identica a quella per la PostePay classica. Anche in questo caso, dunque, abbiamo a che fare con un prodotto che ha come unico obiettivo quello di andare incontro alle specifiche esigenze dei propri clienti.

PostePay Evolution, infatti, è nata proprio allo scopo di riuscire a colmare le lacune della PostePay tradizionale che risultava essere troppo vincolante per chi ha necessità di muovere somme di denaro mediamente importanti.

A questo punto, tutti coloro che hanno intenzione di attivare una PostePay, non devono fare altro che inoltrare la propria richiesta, ma solo dopo aver chiesto informazioni o aver consultato il sito internet di riferimento e aver letto con attenzione le varie clausole e le condizioni contrattuali.

Pur trattandosi di prodotti con pochissimi svantaggi, è sempre bene informarsi in maniera approfondita in modo tale da evitare di dover fare i conti con spiacevoli inconvenienti di varia natura.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *