Iostudio Postepay, info carta

Anche gli studenti potranno finalmente essere premiati e imparare l’importanza di un corretto utilizzo di una carta prepagata.

Ecco tutto quello che bisogna conoscere della carta Iostudio Postepay, che permette agli studenti di poter finalmente avere uno strumento per effettuare acquisti, sia online che nel mondo reale, senza alcuna complicazione e senza doversi necessariamente appoggiare ai propri genitori.

postepay iostudio
Una Postepay IoStudio

La carta Iostudio Postepay è una classica prepagata che però è riservata solo ed esclusivamente a una categoria ben precisa di soggetti, ovvero agli studenti.

Naturalmente, per evitare di avere confusione e scambiare questa carta con altre, occorre necessariamente precisare cosa si intende per studenti.

Questi devono necessariamente:

  • frequentare la scuola;
  • essere iscritti a un istituto di secondario livello, ovvero la scuola superiore;
  • essere iscritti a un istituto di pari livello, come per esempio quelli professionali dove viene insegnato un mestiere agli alunni;
  • essere censiti nell’archivio dell’Anagrafe Nazionale Studenti.

In questo modo gli studenti potranno usufruire di questo particolare strumento studiato appositamente per rendere gli stessi studenti maggiormente indipendenti e soprattutto responsabili.

Ovviamente occorre cercare di capire come questa carta funziona, quali sono i vantaggi che si otterranno e come gli studenti riceveranno la stessa carta, in modo tale da avere quella panoramica generale che riguarda questo particolare strumento.

Postepay modulo richiesta
Per richiedere la Postepay Iostudio ci si può recare all’Ufficio Postale

Per poter ricevere la suddetta carta gli studenti non devono compiere alcun tipo di operazione.

Questo per un semplice motivo: sarà la segreteria dell’istituto statale a convocare gli studenti e consegnare loro la carta prepagata una volta che l’anno scolastico volge al termine.

In questo caso occorre specificare come:

  • la carta verrà data a tutti gli studenti, indipendentemente dall’esito finale scolastico;
  • la segreteria contatterà gli studenti qualche giorno prima del termine dell’anno scolastico;
  • lo studente dovrà firmare il documento che attesta la corretta ricezione della carta;
  • i genitori dovranno dare il loro consenso affinché la scuola effettui la consegna della carta al proprio figlio.

Di conseguenza lo studente altro non deve fare se non recarsi presso la segreteria scolastica, una volta che viene convocato, per effettuare il ritiro della sua Postepay, che non ha una scadenza ben precisa.

Ma spesso accade che gli studenti non ricevano questo tipo di carta prepagata: come bisogna procedere in questo caso per evitare di non poter sfruttare questo strumento completamente gratuito?

Occorre mettere in risalto come, in questo caso specifico, le diverse operazioni che devono essere svolte sono abbastanza semplici e potranno essere portate al termine in lassi di tempo abbastanza brevi.

Bisogna infatti sottolineare come lo studente debba recarsi presso la segreteria scolastica qualora non venga contattato dalla stessa.

Successivamente occorrerà valutare le motivazioni per le quali lo studente non ha ricevuto la carta e procedere con la nuova richiesta, in maniera tale che anche quello studente possa usufruire di questo particolare strumento senza quindi sentirsi escluso.

Qualora la segreteria della scuola non dovesse fornire tutte le risposte necessarie per porre rimedio a questa particolare situazione lo studente deve procedere in un altro metodo, ovvero inviare una mail all’indirizzo di posta elettronica iostudio@istruzione.it e:

  • specificare i propri dati anagrafici;
  • inserire la classe e l’anno scolastico;
  • inserire il nome dell’istituto frequentato;
  • inserire la propria residenza qualora si voglia ricevere la carta direttamente presso la propria abitazione.

In questo modo sarà possibile fare in modo che la carta possa essere ricevuta a casa propria oppure che questa venga spedita a scuola.

In questo caso lo studente non dovrà fare altro che recarsi in segreteria assieme al genitore o tutore in maniera tale che possano essere apportate le firme per il ricevimento della stessa carta.

Una volta che questa viene ottenuta lo studente non deve fare altro che procedere con l’attivazione della stessa carta.

iostudio
Il portale della Postepay IoStudio

Per poter sfruttare al massimo la carta Postepay Iostudio e usufruire di tutti i diversi vantaggi che derivano dal possedere questo strumento di pagamento, occorre che lo studente proceda con lo svolgere l’attivazione della carta sul portale ufficiale della Postepay.

Quando si deve svolgere questa operazione lo studente deve recarsi presso il portale dedicato interamente alla prepagata, ovvero sul portale Iostudio Postepay ed effettuare il primo login.

L’iscrizione al portale comporta:

  • l’inserimento dei dati personali dello studente;
  • inserimento dei diversi dati della carta;
  • la conferma dei dati e attendere il caricamento della pagina.

Nella schermata successiva lo studente dovrà poi inserire la password e il nome nome utente che sono presenti nel foglio di consegna che accompagna la stessa carta.

Occorre mettere in risalto come, la procedura, richieda pochissimo tempo: i dati dovranno essere inseriti nel portale in maniera corretta e senza alcuna modifica rispetto i dati che sono presenti nella lettera che identifica la Postepay dello studente.

Successivamente, dopo avere effettuato la registrazione della carta, lo studente non dovrà fare altro se non confermare la registrazione e l’attivazione per poi cambiare i dati di accesso rendendoli unici e sicuri.

In questo modo sarà possibile effettuare tutte le diverse operazioni sul portale Iostudio Postepay senza andare incontro a complicazioni di ogni genere.

Sul portale dedicato interamente a questa carta sarà possibile:

  • visualizzare il saldo presente nella Postepay;
  • controllare le operazioni che sono state svolte;
  • procedere con lo svolgimento di operazioni sul portale che richiedono il pagamento dei servizi.

Sarà quindi possibile sfruttare anche il concetto di home banking, visto che la prepagata permette di effettuare quell’insieme di operazioni senza costi aggiuntivi e soprattutto senza che possano esserci complicazioni di vario genere.

creditcard
Esempi di carte di credito

Per quanto riguarda l’utilizzo della Postepay occorre sottolineare come, la prepagata, debba essere ricaricata nel momento in cui questa deve essere adoperata per svolgere le svariate operazioni che riguardano la carta.

Occorrerà quindi scegliere come ricaricare la stessa carta e in questo frangente si possono scegliere diverse opzioni come, per esempio:

  • ricaricare la carta alle Poste;
  • svolgere l’operazione allo sportello ATM delle Poste;
  • effettuare la ricarica online tramite funzione sul portale della Postepay;
  • effettuare la ricarica presso un punto abilitato.

In tutti i casi, tranne quello dello sportello oppure online, occorre presentare anche i documenti di identità in maniera tale che si possa svolgere questo tipo di operazione senza alcuna complicazione.

Una volta che la Postepay viene ricaricata questa potrà essere utilizzata da parte degli studenti.

Le operazioni che possono essere svolte sono parecchie e queste prevedono:

  • l’acquisto di beni e servizi sfruttando il web;
  • l’acquisto presso gli esercenti;
  • effettuare la ricarica al telefonino;
  • ricaricare l’abbonamento ai mezzi pubblici;
  • fare shopping di vario genere e acquistare biglietti per cinema, musei e altri.

Si tratta a tutti gli effetti di una Postepay classica che, però, è riservata interamente agli studenti.

Inoltre, come operazione aggiuntiva, occorre parlare del fatto che gli studenti potranno anche prelevare il denaro che viene versato nella Postepay Iostudio.

In questo caso, per concludere la procedura in maniera corretta, basterà semplicemente:

  • recarsi presso lo sportello bancomat delle Poste;
  • scegliere uno sportello dove è prevista la lettura del circuito della Postepay Iostudio;
  • inserire la carta;
  • inserire il PIN dopo aver scelto la somma di denaro da prelevare.

Anche in questo caso l’autonomia rappresenta un vantaggio che potrà essere sfruttato da parte dei giovani dato che non dovranno chiedere del denaro ai genitori ma potranno effettuare l’acquisto senza alcuna complicazione.

Questa Postepay potrà essere ricaricata fino a una somma di denaro massima pari a due mila cinquecento euro. Pertanto si tratta anche di un buon fondo al quale va aggiunto anche il rimborso degli sconti con lo shopping.

Diversi portali consentono agli studenti di ottenere un buon risparmio economico sulla spesa che deve essere sostenuti.

La somma complessiva degli sconti verrà restituita nel momento in cui questa raggiunge la soglia minima dei dieci euro.

Il versamento verrà effettuato in maniera immediata e l’accredito sarà presente nella Postepay dopo circa due giorni.

iostudio postepay
Uno studente che utilizza Postepay IoStudio

La Iostudio Postepay è stata concepita per offrire agli studenti la possibilità di poter imparare a usufruire di uno strumento elettronico che sta riscuotendo un grande successo e allo stesso tempo per insegnare loro a fare un buon utilizzo del denaro.

Anche la sensazione di indipendenza rappresenta un valore aggiuntivo che non deve essere messo in secondo piano e che riesce a garantire agli studenti la possibilità di potersi sentire meno legati ai loro genitori sotto il punto di vista economico.

Naturalmente ci sono anche dei vantaggi per i genitori stessi, che potranno impartire delle lezioni ai figli riguarda l’importanza del denaro e allo stesso tempo potranno rendere i loro figli autonomi, visto che questi dovranno sfruttare il denaro della Postepay entro un limite di tempo prestabilito prima della prossima ricarica.

Il denaro potrà inoltre essere inviato alla Postepay mediante i metodi di ricarica in maniera abbastanza semplice, prevenendo quindi degli errori e procedure complicate che rendono lo stesso strumento meno piacevole del previsto da sfruttare.

Iostudio Postepay rappresenta quindi un valido strumento in grado di rispondere alla voglia di autonomia del giovane e allo stesso tempo permette ai genitori di poter tenere sotto controllo le risorse economiche del figlio stesso.

Tale strumento è quindi abbastanza semplice da sfruttare per gli studenti che potranno quindi sentirsi come maggiormente liberi di godersi le loro vacanze estive dopo aver trascorso un anno iintero sui libri di scuola, premiati quindi per il loro impegno e risultati ottenuti durante l’anno scolastico stesso.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *