Documentazione ISEE 2016/2017/2018

ISEE che cos’è?

L’ISEE è un documento ufficiale ed obbligatorio per la dichiarazione annuale della situazione economica famigliare, infatti la sigla Isee sta per “indicatore della situazione economica”. Esso può far accedere una gamma di persone con un reddito entro una certa fascia a delle agevolazioni e servizi sociali.

I documenti da presentare per la richiesta ISEE sono veramenti pochi, vediamo quali sono:

  • Documento di identità valido;
  • Codice fiscale;
  • Stato di famiglia;
  • Contratto di affitto;
  • Ultima bolletta del canone di affitto;
  • Un certificato di invalidità in caso di un invalido all’interno del nucleo famigliare;
  • Certificazione dei redditi.

Dopo aver presentato la seguente documentazione, verrà calcolato il vostro indicatore della situazione economica annuale, secondo dei parametri e infine verrete inseriti in una determinata fascia di reddito.

Come si calcola L’SEE?

ISEE dsu
La Dichiarazione Sostitutiva Unica (DSU) è il documento da richiedere al CAF per il calcolo dell’ISEE

Hanno una discreta influenza sul calcolo della situazione economica i seguenti parametri:

  • Gli assegni ai coniugi per i figli (in caso si è una coppia separata);
  • Il 20% del reddito se si è lavoratori indipendenti o pensionati;
  • Le spese per terapie o cure in caso si abbia una persona invalida all’interno del nucleo famigliare;
  • Una percentuale netta sugli affitti;
  • I profitti in caso di investimenti finanziari.

Tipologie di modelli ISEE

isee

Esistono diverse tipologie di modelli ISEE, i quali sono stati inseriti dopo l’aggiornamento del 2016 e che tengono conto non solo del nucleo famigliare ma anche delle agevolazioni richieste da colui che presenta la richiesta.

Diamo ora un veloce sguardo alle diverse tipologie ISEE:

  • ISEE ordinario: O sia la dichiarazione della situazione economica standard ed è anche quella richiesta dalla maggior parte delle persona, essa da accesso a quasi tutte le agevolazioni e servizi sociali;
  • ISEE università: Questa tipologia di dichiarazione della situazione economica è riferita come si può benisso capire alle famiglie degli studenti universitari non ancora autonomi ma residenti al di fuori dall’abitazione famigliare almeno da due anni i quali hanno diritto comunque di essere inseriti nell’ISEE famigliare ed avere accesso alle agevolazioni e ai servizi sociali;
  • ISEE socio sanitario: Questa tipologia di dichiarazione punta ad agevolare le persone con disabilità e/o non autosufficienti offrendo loro assistenza domiciliare o soggiornamenti in residenze adatte alla cura e all’assistenza neccessaria da parte di personale qualificato;
  • ISEE minorenni: Questa tipologia di ISEE è riferita a tutte quelle coppie separata e non conviventi aventi figli, in questo caso si tiene conto della singola situazione di ogni genitore per stabilire se quest’ultima influisce o meno sul calcolo della dichiarazione della situazione economica famigliare;
  • ISEE corrente: Quest’ultimo non è altro che l’aggiornamento della precedente dichiarazione economica entro i dodici mesi, questo può interessare tutti i lavoratori dipendenti i quali posso per i più futili motivi avere una perdita o una riduzione dell’attività lavorativa che causa importanti cambiamenti nel reddito.

Le diverse fasce di reddito

Dopo il calcolo del’ISEE si è assegnati a seconda del proprio reddito ad una fascia ISEE delle seguenti:

  • Redditi agrari;
  • Redditi di capitale;
  • Redditi di lavoro dipendente;
  • Redditi di lavoro autonomo;
  • Redditi d’impresa;
  • Redditi diversi.

Ora vediamo e parliamo più nel dettaglio di ognuna di queste fasce:

  • Redditi agrari: Si è inseriti in questa fascia se la vostra attività lavorativa compre coltivazione del terreno, allevamento di animali, produzione di vegetali e produzione di energia elettrica e calore da biomasse;
  • Redditi di capitale: Questa fascia è per coloro che hanno un gudagno diretto da attività finanziarie, questi redditi sono tassati al lordo delle spese di produzione;
  • Redditi di lavoro dipendente: In questa fascia vengono inseriti tutti i lavoratori dipendenti o sotto la direzione di altri, inoltre vengono inseriti in questa fascia anche i pensionati;
  • Redditi di lavoro autonomo: In questa fascia rientrano tutti lavoratori autonomi oltre a tutti coloro che svolgono un attività con un rientro economico dall’artista al musicista;
  • Redditi d’impresa: Di questa fascia fanno parte tutte quelle attività industriali che puntano ad offrire beni e servizi, attività bancarie ed assicurative ed attività di trasporto;
  • Redditi diversi: Fanno parte di questa fascia tutte le attività con un rientro economico che non deriva dalle precedenti fasce, ben si da attività diverse da queste come vincite a lotto, invenzioni e immobili situati al di fuori del territorio dello stato.

Aggiornamenti ISEE

NUOVO-MODELLO-ISEE-2016
Questa pratica infografica spiega dettagliatamente che cos’è l’ISEE

Dal 2016 ci è stato un aggiornamento ISEE e per tutti coloro che intendono fare richiesta per avere la dichiarazione della situazione economica famigliare sarà neccessario presentare i documenti già sopra citati più i seguenti:

  • Modello 730/2016;
  • Certificato rilasciato dal datore di lavoro, in caso si è pensionati dall’ente pensionistico;
  • Dichiarazione IRAP se si è imprenditori agricoli;
  • Certificato che riporti i guadagni economici prodotti da un attività autonoma;
  • Certificato di reddito in caso si sia prodotto un reddito economico in un attività al di fuori dello stato italiano;
  • Assegni di mantenimento per i figli in caso non si è una coppia sposata;
  • Depositi bancari o postali (Saldo e giacenza media annuale);
  • Titoli di stato, obbligazioni e certificati di deposito;
  • Azioni o quote di investimento;
  • Partecipazioni azionarie in società italiane ed estere quotate;
  • Masse patrimoniali.

Evitiamo gli errori

In questi casi è molto facile commettere degli errori come documenti compilati male o mancanti, a tutti è successo almeno una volta, ma errare è umano e vi basterà compilare un modello ISEE integrativo: questa volta però senza errori o documenti mancanti e consegnarlo all’ente di competenza.

Invece in caso di false dichiarazioni, il richiedente andrà in contro a sanzioni penali e risarcimenti in quanto gli enti statali hanno dei soggetti controllori al fine di evitare che ai soggetti che dichiarano il falso vengano dati agevolazioni sociali.

I soggetti controllori sono l’agenzia delle entrate, la Guardia di Finanza, Inps e tutti gli enti sociali che si occupano di agevolazioni e servizi sociali.

In caso vengano trovate incongruenze all’interno della dichiarazione di un richiedente in primo luogo si procederà con una verifica approfondita e nel caso la dichiarazione sia solamente errata si procederà con una richiesta di correzione, mentre invece se si rivela che il richiedente dichiara il falso si procederà con processo e le eventuali sanzioni.

L’evoluzione ISEE

esempio isee
Un esempio di modello ISEE studenti già compilato

Nel corso degli anni il governo italiano si è reso conto della difficoltà con cui i cittadini dovevano fare conto per richiedere la dichiarazione della situazione economica, perciò il governo ha deciso di offrire ai cittadini modelli precompilati e la possibilità di richiedere il proprio ISEE direttamente online;

Dove e come compilare il modulo ISEE online

Per compilare il modello ISEE online, vi basterà accedere al sito dell’ente di competenza con un username ed un pin da loro fornito e compilare il modulo secondo le indicazioni presenti, al momento dell’invio del modulo è sempre bene controllare per evitare eventuali errori, riceverete il vostro ISEE in due o quattro giorni lavorativi.

Agevolazioni sociali

Come già precedentemente citato l’ISEE permette a seconda della propria fascia di appartenenza di avere accesso ad agevolazioni e servizi sociali vediamo alcune di queste agevolazioni:

  • Borse di studio;
  • Sconti telefono, luce, gas
  • Bonus bebè e aiuti famiglie con figli;
  • La card famiglia duecentouno.

Queste sono solo alcune delle agevolazione che si possono avere in caso si rientri in una fascia di reddito medio-bassa.

Come calcolare il proprio ISEE

Da quest’anno l’ente statale INPS (Istituto nazionale della previdenza sociale) ha rilasciato online un simulatore grazie al quale sipuò calcolare l’ISEE servendosi dei dati forniti dal richiedente.

Questo simulatore è stato rilasciato dall’Istituto nazionale della previdenza sociale con lo scopo di facilitare il calcolo del’ISEE universitario, ISEE minorenni e ISEE corrente i quali potranno accedere ai bonus che gli spettano in modo più facile e veloce.

Inoltre questo simulatore permette anche di calcolare il proprio reddito, vi basterà accedere al sito dell’INPS senza bisogno questa volta di un PIN e seguendo le indicazioni fornite dal sito compilare il modulo per il calcolo del redditto così facendo quest’ultimo lo calcolerà davanti a voi in tempo reale.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *