Azioni Apple, storia, quotazioni e grafici in tempo reale

INTRODUZIONE GENERALE DELLA SOCIETÀ APPLE

steve jobs
Steve Jobs, fondatore, assieme a steve Wozniak, di Apple Inc.

La società Apple è, in verità, conosciuta con il nome di Apple Inc. ma il suo primo nome era Apple Computer Inc. Si tratta di un’impresa multinazionale nata nel 1976 da due soci americani, Steve Jobs e Steve Wozniak, poi in seguito sono entrati nuovi azionisti apple. Il settore di attività di Apple è la progettazione di prodotti informatici quali PC o software.

Questa società ha dato nascita, anni fa, all’illustre Macintosh, poi, più di recente, a dei terminali mobili come l’IPod, l’Iphone e l’IPad. E anche alla realizzazione dell’app ITunes.



LO STORICO ECONOMICO APPLE

Il 19 Dicembre 1980, questa azienda creata in un garage da due ragazzini con un grande obiettivo, entra a far parte nel NASDAQ, con un valore per azione di soli 3,50$, primo esempio al mondo di mercato borsistico elettronico.

Il progresso che ha subito il titolo di Apple (AAPL) dalla sua prima quotazione fino ad oggi è stata incredibile. Numerosi sono i fattori che hanno determinato questa salita: innanzitutto fu il lancio del Mac con OS X nel 24 marzo 2001, che detiene il 6,4% del mercato, risultando il secondo sistema operativo più diffuso al mondo dopo Windows.

Incredibile sia come due ragazzi, amici di liceo, potessero riuscire a moltiplicare il valore azionistico dei prodotti Apple dal 2000 in poi e, che il titolo sia incrementato per ben 600 volte il suo valore effettivo.

IL CAPITALE APPLE

comprare-azioni-apple
Azioni Apple, molto potenti, ma non sempre in crescita: quando è il momento di comprarle?

La capitalizzazione borsistica della società statunitense Apple ha continuato ad ingrandirsi fin dalla prima raccolta di fondi. Ad agosto 2011 il suo capitale in borsa si è spinto fino ai 341,5 miliardi di dollari; superando così quella della Exxon (grande azienda petrolifera di livello mondiale).

L’anno a seguire la società statunitense Apple raddoppia il suo capitale raggiungendo la soglia di ben 622,10 miliardi di dollari, stabilendo così il record per la più elevata capitalizzazione in Borsa, detenuto prima di allora dalla società Microsoft con una rendita borsistica totale di 628,50 miliardi di dollari (dicembre 1999).

INVESTIRE IN AZIONI APPLE

I titoli della società Apple sono indubbiamente i più popolari al mondo. I dati della NASDAQ riportano che il suo fatturato nel 2017 è equivalente a ben 229,2 miliardi. I profitti della azienda sono per la maggior parte legati agli smartphone: poiché la rendita della società ricade maggiormente sulla vendita degli IPhone.

La via più semplice per acquistare delle azioni Apple è quella di rivolgersi alla propria banca, che dovrebbe essere in grado di fornire un collegamento per poter operare nel NASDAQ tramite un conto deposito titoli. Un metodo alternativo per comprare azioni è attraverso i broker online (una società che inserisce ordini per conto di un trader).

Investire in azioni Apple oggi significa avere molte possibilità di guadagno. In pratica Apple non è più da comprare ad occhi chiusi come poteva avvenire in passato. Anche la “mela” più famosa del mondo deve quindi essere oggetto di valutazione. Questo significa che vanno guardate le previsioni Apple prima di decidere se comprare o vendere.

Un valido aiuto può giungere dagli analisti. Il titolo Apple infatti è spesso ogetto di analisi da parte delle grandi banche d’affari Usa. Sono gli esperti a indicare il prezzo obiettivo delle azioni della società Apple e a dare una valutazione. Rispetto a quello che viene sul mercato italiano, gli analisti Usa sanno essere davvero più incisivi e non fanno sconti. Solitamente tali report vengono diffusi a ridosso della pubblicazione dei conti.

PRINCIPALI AZIONISTI APPLE

apple sede fisica
Sede fisica di Apple a Cupertino

A differenza di quello che avviene in Italia, in Usa l’azionariato è spesso concentrato nelle mani di grandi fondi di investimento. Apple non fa eccezione a questa regola. Tra i più importanti azionisti di Apple ci sono Vanguard Group con il 6,05% del capitale della “mela” e State Sreet Corporation con il 3,82%. Tutti gli altri istituzionali (oltre 2400) hanno quote di Apple inferiori al 3%. Tra questi, citiamo l’importante fondo BlackRock Institutional Trust Company che possiede una partecipazione del 2,63%.

Per quello che invece riguarda compensi e i membri del consiglio di amministrazione Apple sono:

  • William Campbell che ha ricevuto 315.671 dollari
  • Millard Drexler che ha ricevuto 305.817 dollari
  • Robert Iger che ha ricevuto 305.189 dollari
  • Arthur Levinson che ha ricevuto 508.213 dollari
  • Al Gore che ha ricevuto 303.766 dollari
  • Andrea Jung che ha ricevuto 326.292 dollari
  • Ronald Sugar che ha ricevuto 326.832 dollari

I top manager tra stipendi e azioni:

  • Tim Cook 4.252.727 dollari
  • Eddy Cue 2.647.105 dollari
  • Jeffrey Williams 2.632.852 dollari
  • Peter Oppenheimer 2.632.852 dollari
  • Dan Riccio 2.632.852 dollari

OPPORTUNITÀ E RISCHI DI INVESTIRE IN APPLE

Apple è una gradevole preda per gli investitori internazionali. Ma conviene ancora fare affidamento alla società di Cupertino?

Il titolo dovrebbe continuare a favorire soddisfazioni agli investitori, ammesso che il nuovo ciclo di prodotti non deluda. Per il momento, non possiamo che essere fiduciosi, ricordando come la continuità dei risultati di Apple sia figlia di un progresso tecnologico costante, che si concretizza nel lancio di nuovi prodotti mediante ogni due anni.

Attenzione però a non sottovalutare i rischi, tra cui la gestione operativa della commercializzazione dei nuovi prodotti, con la necessità di produrre e distribuire decine di milioni di IPhone nel primo trimestre del lancio. Inoltre si tenga conto il mercato si attende da Apple continue novità, stagione dopo stagione, e che non sarà sempre facile mantenere gli attuali ritmi di vendita sulla base di nuovi prodotti in grado di sostituire i vecchi.

Da non sottovalutare, infine, l’effetto dei cambi e le prospettive macroeconomiche non favorevoli, e il rischio di un effetto protezionistico derviante dalle politiche del presidente deli Stati Uniti Donald Trump.

MODELLO DI BUSINESS APPLE

stile apple
Il potere Apple espresso nel suo slogan: “Think different”

Il modello di business Apple poggia prevalentemente su 4 capisaldi:

  • novità;
  • design rivoluzionario;
  • convenienza;
  • marchio/status

In termine di “NOVITÀ” l’azienda dimostra di essere imbattibile. I suoi device hanno contribuito a modificare le abitudini di consumo del mercato rendendo i competitors degli “inseguitori” di tendenza lanciate dall’azienda. È stato così per l’Ipod e ancora più fortemente con il lancio dell’IPhone e dell’IPad.

Parlando di “DESIGN” si può sostenere che i prodotti Apple siano sinonimo di bellezza e soprattutto di tendenza. Possedere un dispositivo Apple significa appartenere a quella cerchia di eletti che si intende di tecnologia.

Il segreto di Apple sta nella sua capacità di sorprendere offrendo sempre nuovi prodotti di qualità al mercato,e che siano all’avanguardia.

Il prodotto Apple è sicuramente più costoso rispetto a quello dei concorrenti, ma rimane solo un aspetto secondario poichè la società Apple è riuscita a creare una platea di consumatori fidelizzati e propensi a spendere.

Ad esempio molto azionisti apple spingo verso iphone dedicati ai bambini, un modo innovativo per entrare in un nuovo livello di mercato.

PREVISIONI APPLE

indici apple
Il costo delle azioni Apple è salito sempre contestualmente al lancuo di nuovi prodotti

Con le previsioni Apple si entra su un terreno decisamente minato. Sono in tanti, infatti, a pensare che Apple non sarà più in grado di sostenere il sistema che lei stessa ha creato. Nonostante le rassicurazioni del management di Cupertino sull’obiettivo di vedere ogni abitante della terra con un IPhone, le stime restano molto più contenute. Una cosa infatti è il marketing, di cui Apple è campione, un’altra la realtà. Ci sono infatti una serie di fattori che hanno reso meno positivo il quadro di riferimento rispetto al passato.

Il primo è la crisi economica della Cina che ha portato ad un rallentamento delle vendite nello sterminato mercato Asiatico. Il secondo, oggetto di feroci discussioni, è connesso con una sorte assuefazione ai nuovi modelli IPhone. Secondo alcuni analisti le nuove versioni dell’IPhone non portano reale valore aggiuntivo se non per alcuni aspetti. In pratica i famosi eventi di lancio sarebbero solo strumenti di marketing.

L’ esistenza di questa seconda problematica, comunque, non è accettata da tutti a differenza delle ripercussioni derivati dalla situazione cinese.

Ad ogni modo il dato che emerge dalle sue problematiche messe in evidenza è inconfutabile. Per avanzare previsioni sulla quotazione Apple si devono esaminare nel dettaglio bilanci e outlook. In particolare per ogni prodotto vanno analizzati dati di vendita nelle singole aree geografiche. Queste informazioni vano poi incrociate con le previsioni economiche relative a tali aree. Sempre le stime economiche vanno tenute in debita considerazione quando si pesano quelli che possono essere i numeri delle vendite dei prodotti.

Bisogna quindi essere molto meticolosi prima di investire in azioni Apple, sopratutto se si punta su lungo periodo. Per quello che riguarda, invece, il breve sono rumors e indiscrezioni a fare la differenza. In questo caso è consigliabile un approccio attraverso il trading di CFD, più pratico e capace di dare subito frutti importanti.

NEGOZIARE AZIONI APPLE TRAMITE IL TRADING

apple_logo
La strategia migliore di acquisto di azioni Apple è attraverso i CFD

Il modo migliore per investire in Apple è sfruttare il mercato azionario attraverso i contratti per differenza. Il miglior broker finanziario in Italia che permette di negoziare azioni della Apple è Plus500.
Per poter iniziare a negoziare sul titolo Apple è sufficiente cliccare su Acquista o Vendi, negli ultimo anno il titolo azionario Apple Inc è in continua crescita. Probabilmente è il momento giusto per investire in Apple piuttosto che in altri titoli el NASDAQ come Yahoo o Google.

Per acquistare azioni Apple bisogna ricorrere al mercato primario ma non si avrà certezza che il titolo andrà bene. Ecco perchè il metodo più semplice per investire sul titolo Apple e guadagnare è quello di usare i Contract for Difference (CFD). Attraverso i broker si ha la possibilità di fare trading sull’andamento del prezzo dell’azione guadagnando in qualunque situazione di mercato.

Negoziare azioni Apple attraverso il trading CFD può infatti significare avere grandi margini di guadagno. Per averne una prova basta guardare il grafico sulla quotazione del titolo. I continui movimenti, infatti, sono altrettante occasioni per fare trading. Ovviamente anche con i CFD Apple si può scommettere su un aumento di prezzo o su una diminuzione. Tante strategie di trading puntano proprio sulla valorizzazione dei cambi di direzione della quotazione.

In linea di principio è sempre consigliabile negoziare azioni Apple attraverso il trading di CFD sopratutto sul breve periodo. Sul lungo termine, infatti, i fattori da considerare sono molteplici. Un semplice report negativo sulle vendite o un contenzioso con i concorrenti è in grado di far cambiare direzione al titolo.

Una strategia di trading interessante su Apple è quella che punta a sfruttare gli annunci di Cupertino sul lancio di nuovi prodotti. Non è un mistero che nei giorni precedenti al debutto, i CFD Apple siano molto ambiti.

Articoli correlati sul mondo delle azioni Apple:

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *