Economia in Cile: 5 buoni motivi per investire

Il Cile è senza dubbio uno dei paesi più interessanti per investire non solo dell’America Latina ma, probabilmente, del mondo intero. Ciò si deve ai suoi piani di infrastrutture, estensione territoriale, livello di educazione della popolazione e sicurezza giuridica basata sulla solidità delle sue istituzioni democratiche.

Nonostante si tratti di una nazione piccola, comparata con i giganti dell’America Latina come Brasile, Messico e Argentina, il Cile vanta una grande economia prospera, stabile e aperta al mondo.

Esistono quattro fattori che fanno la differenza fra l’economia cilena e le altre economie della regione. Il Cile ha un potenziale di crescita economica elevato, mantiene i suoi conti fiscali ordinati, dispone di buone istituzioni e garantisce stabilità politica.

Gli ultimi governi hanno saputo adottare misure anticicliche che sono riuscite a stabilizzare l’economia interna impedendo grandi cicli che hanno colpito i suoi vicini. Secondo i dati dell’Indice di Libertà economica del 2015 il Cile si trova fra i dieci paesi al mondo con più libertà economica e, ovviamente il più economicamente libero dell’America Latina.

5 ragioni per investire in Cile

1. Economia dinamica

Il Cile è l’economia emergente meglio valutata della regione latinoamericana. Con un tasso di crescita del 5.5 % negli ultimi 25 anni, il Cile è una delle economie in via di sviluppo più dinamiche al mondo.
Alle basi della dinamicità della sua economia c’è la disciplina fiscale.

2. Un partner affidabile

Il Cile è un luogo sicuro e affidabile per fare business. Secondo il la classifica del rischio pubblico rilasciata dall’Economic Intelligence Unit (EIU) sulla base dei risultati di gennaio-febbraio 2015, il Cile vanta uno dei livelli di rischio più bassi al mondo, essendo stato classificato come “stabile” e con una A.
Altre agenzie di rating danno al Cile buoni numeri grazie al suo debito pubblico molto basso, le sue solide politiche macroeconomiche e l’integrità delle sue istituzioni.

3. Una nazione competitiva

Secondo la classifica mondiale di competitività del 2011 rilasciata dall’Institute for Management Development (IMD), il Cile si trova al 25imo posto su un totale di 59 paesi al mondo, mantenendo la sua leadership in America Latina grazie al flusso di investimenti stranieri, telecomunicazioni e immagine del paese nel resto del mondo.

4. Un interessante ambiente di commercio e libertà economica

Come risultato della sua stabilità politica ed economica il Cile ha mantenuto un ambiente di commercio attraente e dinamico per gli investitori. Nella relazione “Doing Business 2011” della Banca Mondiale, il Cile occupa la 43ima posizione. Il Cile vanta anche la posizione 11 nella classifica di Libertà Economica 2015 pubblicato dalla fondazione Heritage e The Wall Street Journal.

5. Un paese nel quale vivere

La rivista Newsweek ha posto il Cile al 30imo posto nella classifica dei migliori 100 paesi nei quali vivere. In effetti il Cile offre una proporzione quasi perfetta fra costo e qualità della vita, libertà, salute e sicurezza. La statistica dell’UNESCO sulla qualità della vita nel 2010 pone il Cile ai primi posti, seconda solo ad Argentina e Uruguay.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *